Termoventilatori da tavolo: i migliori articoli del 2020, fasce di prezzo, vantaggi, limiti

I termoventilatori da tavolo sono i migliori dispositivi per erogare aria calda in una stanza. Si tratta dei prodotti dal prezzo più vantaggioso sul mercato. Sono elettrodomestici davvero essenziali ma efficaci i quali garantiranno un’ottima performance e una grande comodità. I termoventilatori diventeranno i nostri compagni nelle stagioni invernali. Se vuoi scoprire quali sono i migliori articoli dell’anno continua a leggere questa guida e ne rimarrai sorpreso.

 

Termoventilatore da tavolo: cos’è e perché acquistarne uno

Il termoventilatore da tavolo è il modello basilare di questo elettrodomestico. Si tratta del calorifero elettrico più essenziale in assoluto ed è indicato per chi desidera avere un prodotto semplice da usare ma efficace. I termoventilatori sono molto utili nelle stagioni invernali e funzionano in supporto agli impianti di riscaldamento.

Spesso può succedere che la nostra casa non venga riscaldata a sufficienza dai termosifoni, forse perché abbiamo delle pareti troppo alte o perché l’abitazione è troppo grande. Niente paura! I termoventilatori aumenteranno la temperatura nelle nostre camere e ci allieteranno di un calore del tutto naturale.

Potranno essere utilizzati in varie occasioni e sono indicati per tutte le stanze. Infatti sono dei prodotti da trasportare nelle varie camere grazie alla presenza di una comoda maniglia. Possono anche essere portati durante i viaggi. Potremo disporli in bagno, magari su una lavatrice, oppure in garage, se dobbiamo sostarvi delle ore. Questi dispositivi saranno indicati anche quando dobbiamo trascorrere dei week-end in una casa priva di riscaldamenti, ci faranno sentire come se fossimo a casa!

Forme e componenti essenziali

Ma qual è la forma di un termoventilatore da tavolo? Questi caloriferi elettrici si presentano con una forma molto ridimensionata ed un peso davvero irrisorio. Spesso hanno una forma a sfera oppure a cubo e possono essere sorretti anche dai bambini.

Sono provvisti di una scocca esterna molto resistente sul quale sono presenti i pulsanti di accensione e i tasti per regolare la velocità di erogazione. Nella parte anteriore vi è una griglia attraverso la quale avviene lo scambio di aria. All’interno c’è una ventola con delle pale resistenti e dietro troveremo una resistenza incandescente in filamento metallico.

Il termoventilatore da tavolo potrà essere poggiato comodamente su qualsiasi superficie. Ma date le sue componenti elettriche dovremo prestare attenzione alle modalità d’uso.

Come funzionano i termoventilatori da tavolo

I termoventilatori da tavolo, come la maggior parte degli altri modelli da parete e a torre, hanno un funzionamento davvero semplice e facile da capire.

Quando accendiamo il prodotto e lo colleghiamo ad una presa di corrente, le pale della ventola cominciano a girare. Queste risucchiano l’aria dell’ambiente esterno e la conducono dentro al prodotto. Quando  accendiamo il termoventilatore, la resistenza viene percorsa da una scarica di corrente e si surriscalda. L’aria in entrata entra in contatto con la resistenza e subisce un aumento di temperatura. Per questo motivo quando viene rigettata nell’ambiente esterno risulta molto più calda.

In circa 20 minuti, il termoventilatore da tavolo riuscirà a riscaldare l’ambiente e a rendere confortevole la nostra permanenza.

Potenza dei termoventilatori da tavolo

Un aspetto che dovremo tenere in considerazione in un termoventilatore è la sua potenza. Da questo dettaglio potremo capire anche l’efficacia di questi prodotti e la quantità di aria che riusciranno ad erogare per una determinata stanza.

Occorre precisare infatti che alcuni modelli di termoventilatori, con precise potenzialità, non saranno in grado di riscaldare a sufficienza una stanza troppo grande. Per erogare calore ad una camera di circa 70 metri quadrati avremo bisogno di un prodotto da almeno 2200 Watt. Invece per riscaldare una stanza da 50 metri quadrati andranno bene anche 1800 Watt.

I termoventilatori da tavolo hanno un range di potenza che va dai 500 Watt ai 2000 Watt, pertanto saranno ottimali per il bagno e per le stanze di medie dimensioni.

Vantaggi e svantaggi

Come per ogni elettrodomestico, anche il termoventilatore da tavolo presenta alcuni aspetti positivi e negativi. Questo prodotto infatti può avere dei pro e dei contro a seconda delle nostre aspettative ed esigenze.

Innanzitutto occorre dire che se avete bisogno di un elettrodomestico che abbia la sola funzione riscaldante, si tratta del modello più indicato per voi. Il termoventilatore da tavolo infatti non dispone di grandi funzionalità come l’accensione automatica o la presenza di un telecomando per regolarlo a distanza.

Però può avere dei programmi che gli consentono di rilevare la giusta temperatura dell’ambiente, in modo da autospegnersi per ridurre i consumi. Inoltre potremo regolare la velocità dell’erogazione del calore su circa tre livelli: basso, medio ed alto.

Questi termoventilatori non consumano molto ma dovremo utilizzarli con alcune accortezze. Infatti non si consiglia l’acquisto se abbiamo intenzione di lasciarlo acceso per molte ore. Se necessitiamo di un prodotto che ci riscaldi per tutta la notte sarà meglio indirizzarci in un termoventilatore più potente. Questi modelli infatti potrebbero surriscaldarsi se usati troppo a lungo.

Infine, come vi abbiamo già anticipato, si tratta di modelli da non utilizzare se vogliamo riscaldare delle camere troppo grandi. 

Resistenza dei termoventilatori da tavolo

Per chi non lo sapesse, i modelli migliori in assoluto saranno i termoventilatori da tavolo con resistenza in ceramica. Questa parte, di solito in filamento metallico, è la più importante del prodotto. Grazie ad essa potremo garantire il corretto funzionamento del dispositivo per non incorrere in surriscaldamenti.

Infatti l’anomalia più comune per i termoventilatori, ed il conseguente malfunzionamento, è dovuta propria alla bruciatura della resistenza. Un fattore ripetitivo nei modelli tradizionali, meno consueto invece in quelli moderni.

Le resistenze in ceramica infatti garantiscono una migliore diffusione del calore nella stanza ed un’uniformità che il modello in filamento metallico non riesce a raggiungere.

Il costo e le migliori marche

La parte davvero positiva dei termoventilatori da tavolo è il loro costo. Troveremo modelli davvero economici che si collocano in una fascia di prezzo piuttosto bassa. Il range va dai 20 euro ai 40 euro. Vedere sempre i prezzi sui siti dei produttori perché per natura sono soggetti a cambiamenti, per questo indichiamo solo fasce molto approssimative.

Tra le migliori marche che vi consigliamo segnaliamo il brand Brandson, il quale prevede modelli davvero potenziali con un termoregolatore, oppure Proo Breeze, con dispositivi di ultima generazione con resistenza in ceramica.

Da tenere al primo posto sono i termoventilatori De Longhi, meno economici ma sempre di fascia bassa, oppure i modelli Roventa, indistruttibili e tra i più silenziosi.

Laureata in Lingue e Giornalismo sono da sempre appassionata di scrittura e di tecnologia. Con il passare del tempo ho cercato di unire queste due realtà ed ho iniziato a scrivere di dispositivi elettronici e prodotti casalinghi. Da anni scrivo per vari siti dedicati alla casa e molti altri settori. Amo la scrittura in ogni sua forma, da quella giornalistica a quella in ottica Seo. Appassionata di letteratura, sport e cinema, mi impegno ogi giorno per scoprire nuove curiosità da raccontare.

Classifica dei Migliori Prodotti

Back to top
Apri Menu
sceltatermoconvettori.it